Rassegna Stampa Davide Faraone

Carissimi,

Mi dispiace di non poter essere con voi oggi. Purtroppo altri impegni mi trattengono altrove ma voglio ringraziarvi per l’iniziativa che avete messo in campo.

Un’iniziativa che, come governo, sosteniamo e stiamo portando avanti in sinergia con i territori: premiare il merito, sostenere il diritto allo studio. Nella Buona Scuola, la legge approvata a luglio dal nostro Parlamento, la qualità della formazione, il merito, la promozione e il sostegno delle eccellenze sono centrali. Pilastri fondamentali che si accompagnano a una valutazione sana, non punitiva, che serva a potenziare chi è sulla buona strada e accompagni chi rimane indietro nel suo percorso di recupero.

 

L’assegnazione delle borse di studio per la quale oggi vi siete riuniti va in questa stessa direzione: premiare l’impegno e la costanza nello studio dei giovani studenti che hanno concluso il percorso formativo ottenendo risultati brillanti è un opera meritoria che condivido in pieno.

“I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso”. L’articolo 34 della nostra Costituzione è nelle fondamenta della nostra identità nazionale.

Non a caso, anche nella Legge di Stabilità, abbiamo previsto 55 milioni da destinare al diritto allo studio. Le istituzioni devono garantire, ciascuna per la propria parte, il diritto dei ragazzi di raggiungere i più alti obiettivi e le più alte ambizioni. E devono farlo per fare crescere e prosperare il nostro Paese.

Vi ringrazio ancora. Continuiamo a lavorare in sinergia.

Un caro saluto,

Davide Faraone

Roma, 28 gennaio 2016

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi